Il Governo da il via all’operazione “Liberi senza catene” e invia a Caltanissetta l’Esercito per convincere i cittadini ostinati a smontare le catene dalle auto

A quanto pare i nisseni ci hanno preso gusto: dopo aver fatto di tutto per NON montare le catene durante l’emergenza neve, adesso non vogliono più saperne di smontarle.

Non è raro in queste ore ascoltare inquietanti e molesti rumori provenienti dalle strade cittadine causati da automobili che, nonostante di neve non ce ne sia più da un pezzo, montano ancora le fastidiose catene. Non sono mancati gli incidenti: nei pressi di una nota via cittadina la cui pendenza è del 6%, una Panda con catene montate e frizione difettosa, nel tentativo di raggiungere la cima ha cominciato a scavare l’asfalto creando un crepaccio e sprofondando rovinosamente dentro. Per fortuna il conducente, esperto di free-climbing, è riuscito a risalire dallo stesso in poco meno di venti minuti senza riportare ferite.

Il Sindaco ha preferito non emettere ordinanze per evitare di fare danno e ha quindi chiesto aiuto a Roma.

Il Governo è immediatamente intervenuto ed è stato dato il via all’operazione “Liberi senza catene” che vedrà giungere nelle prossime ore a Caltanissetta un contingente specializzato dell’Esercito Italiano che provvederà a convincere gli automobilisti ostinati e affezionati a smontare le catene, rassicurandoli sul fatto che il sacrificio fatto per imparare a montarle non sarà vano.

I militari sono attesi in città per domani.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
The following two tabs change content below.
Shermann Klump

Shermann Klump

I'm CEO, bitch!
Appassionato ed esperto di rotatorie, manti stradali, parcheggi ad minchiam e nissenità in genere. Da sempre scrive, prevalentemente, in cronaca e attualità. E' uno dei due fondatori de ilmattonisseno.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *