bancarelle-settimana-santa

Il Sindaco vorrebbe spostare i furgoni ma nessuno vuole dargli le chiavi

“Chi la fa l’aspetti!” è l’unanime risposta ricevuta dal primo cittadino, al tentativo di porre rimedio alle polemiche scaturite dall’assegnazione dei posti per le bancarelle montate durante le celebrazioni pasquali.

Neanche l’escamotage di travestirsi da parcheggiatore abusivo con tanto di marsupio, fischietto e cappellino al contrario ha funzionato per convincere gli ambulanti.

Voci anonime asseriscono che il Sindaco sia stato visto mentre acquistava un piede di porco e dei chiavistelli universali, pur di non chiedere aiuto al Capitano della Real Maestranza che avrebbe risolto il problema in pochi minuti.

La vicenda che ha scaturito questa chiusura nei confronti del primo cittadino, ricordiamo, è relativa alla consegna delle Chiavi della Città al Capitano, infatti il Sindaco aveva proposto di cambiare questa (relativamente) nuova tradizione per ripristinare al suo posto il potere di grazia del Capitano durante il periodo pasquale.

In ogni caso, dopo ripetuti tentativi di forzare uno dei furgoni posteggiati lungo Corso Vittorio Emanuele, è arrivata l’illuminazione: il Sindaco ha rimosso con un mazzuolo i blocchi delle gomme posizionati per tenere in asse orizzontale il mezzo e come per magia e grazie alla leggera pendenza della strada, il furgone si è leggiadramente catapultato all’interno della villa Cordova dopo aver dolcemente sventrato la ringhiera di protezione ed aver effettuato un soffice atterraggio alla fine di un piccolo salto di 2 metri.

Tutto è bene ciò che finisce bene.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
The following two tabs change content below.
Darth Agnan

Darth Agnan

Redattore prolisso
Specializzato in Progetti Comunitari, Affari Generali, Lavori Pubblici, Urbanistica, Territorio, Sviluppo Economico, Polizia Municipale, Affari Sociali, Affari Finanziari, Affari Demografici e Affari del Personale. Si diletta con la stesura di rubriche di nicchia e distruzioni planetarie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *